Il Carnevale di Venezia

Chi non ha mai sentito parlare del Carnevale di Venezia? Tra tutti i Carnevali è quello che esercita maggior fascino e mistero e che continua, anche oggi che sono trascorsi più di 900 anni dal primo documento che fa riferimento a questa festa, ad attrarre a Venezia migliaia di turisti ogni anno.

Gli studi di antropologia sul Carnevale spiegano che tra l’Epifania e la Quaresima il mondo si capovolgeva: il figlio mancava di rispetto al padre, ci si scambiava di sesso, non era più vietato farsi beffa dei potenti. Trasgredire la legge significava, tuttavia, celebrarla. Tutti gli usi e i comportamenti del Carnevale non facevano altro che confermare l’ordine dell’universo. Violare una sola volta la legge, durante la festa comandata, equivaleva a riconoscere la sua signoria su tutto il resto dell’anno.

Tuttavia il Carnevale ha tradizioni molto più antiche che rimandano ai culti ancestrali di pasaggio dall’inverno alla primavera, culti presenti in quasi tutte le civiltà basti pensare ai Saturnalia Latini o ai culti dionisiaci nei quali il motto era “semel in anno licet insanire” (“Una volta all’anno è lecito non avere freni”) ed è simile lo spirito che animava le oligarchie veneziane e le classi dirigenti latine con la concessione e l’illusione ai ceti più umili di diventare, per un breve periodo dell’anno, simili ai potenti indossando una maschera sul volto. Per molti giorni all’anno il mondo sembrava non opporre più resistenza, i desideri diventavano realizzabili e non c’era pensiero o atto che non fosse possibile. L’identità personale, il sesso, la classe sociale non esistevano più, si entrava a far parte della grande illusione del Carnevale in un posto, unico al mondo, dove tutto può accadere, dove ogni scorcio continua ad incantare. Venezia si trasformava in una grande festa a cielo aperto: trombe, pifferi, tamburi, saltimbanchi, giocolieri, venditori ambulanti, balli pubblici dove chiunque poteva folleggiare mascherato come voleva.

La maschere più comuni erano Arlecchino, Brighella, Pantalone o semplicemente un mantello nero, il tabarro, e sul viso, la classica maschera nera, la bauta, dietro la quale i patrizi e le dame si mescolavano al popolo e si davano alla pazza gioia. I giorni più intensi erano il giovedì grasso e il martedì grasso. Un’attrazione speciale era, ed è tutt’oggi, il Volo della Colombina, un acrobata che scendeva con delle corse dal Campanile di San Marco fino alla Loggia del Palazzo Ducale. Altre attrazioni erano le Forze d’Ercole, dove in patecipanti creavano delle torri umane con grande sforzo di muscoli e la Macchina dei fuochi d’artificio.

Oggi il Carnevale ha la durata di circa dieci giorni in coincidenza del periodo prepasquale, ma, possiamo affermare che la febbre del Carnevale comincia molto tempo prima anzi, forse non è scorretto dire che, a Venezia, la febbre del Carnevale non cessa mai. Una sottile euforia si insinua tra le calli della città più bella del mondo e cresce impercettibilmente, sale con la stessa naturalezza della’acqua, sfuma i contorni della cose, suggerisce misteri e atmosfere di tempi andati.
Il Carnevale dei nostri giorni è un magnifico happening che coinvolge grossi sponsor, le reti televisive, le fondazioni culturali e che richiama folle di curiosi da tutto il mondo con migliaia di maschere in festa e con una pacifica e sgargiante occupazione della Laguna. Tra le calli di questa meravigliosa città, per una decina di giorni, si svolge una continua rappresentazione di teatrale allegria e giocosità a celebrare il fascino di un mondo fatto di balli, di scherzi, galà esclusivi e romantici incontri.

Per maggiori informarmazioni visita: www.carnevalevenezia.com

Festa della Sensa
E' una delle più antiche feste veneziane. Si festeggia da più di mille anni nel giorno del’Ascensione (il giorno della Sensa) e celebra lo Sposalizio del Mare ...
Leggi tutto
Festa del Redentore
La festa più sentita dai veneziani è quella del Redentore. Nel 1575 l’Italia fu investita da una tremenda epidemia di peste che dilagò per la città di Venezia ...
Leggi tutto
La Regata Storica
E' ancor oggi uno dei momenti più spettacolari, pittoreschi e coinvolgenti della vita cittadina, in grado, nello stesso tempo, di incantare i turisti e di eccitare ...
Leggi tutto
Vogalonga
In Maggio si svolge anche una “vogata” non competitiva per qualsiasi tipo di natante a remi molto sentita dalla popolazione chiamata Vogalonga ...
Leggi tutto
Festa della Madonna della Salute
Anche la Festa della Madonna della Salute ha una origine legata ai lutti subiti dalla città di Venezia nel corso del Seicento e, in particolar modo, nel 1629 quando ...
Leggi tutto
Festa delle Marie
La Festa delle Marie era una delle più amate dal popolo veneziano che però cadde in disuso già nel 1379 e furipresa alcuni secoli dopo ma in forma molto ridotta ...
Leggi tutto
San Marco
Il 25 aprile a Venezia si festeggia San Marco, il patrono della città. Anticamente in questa giornata si svolgeva in piazza una famosa processione alla quale ...
Leggi tutto
Palio delle Repubbliche Marinare
Il Palio delle Repubbliche Marinare è legato alle più antiche Repubbliche italiane che un tempo erano, come ben sappiamo, Venezia, Genova Pisa e Amalfi ...
Leggi tutto